Da un militante della Lista del popolo un augurio al governo M5S-Lega

Sono esattamente trascorsi 29 anni dal cosiddetto “crollo” del muro di Berlino con il quale Gorbaciov si preparava a sciogliere il patto di Varsavia andando incontro all’abbraccio mortale del cosiddetto “occidente”. In un paio d’anni, tra continui colpi di scena, si arrivò alla dissoluzione dell’Unione Sovietica e alla crisi più nera mai vista nella storia moderna del suo successore e antico fondatore, la Federazione Russa.

Ricordo il presidente Cossiga che, nel 1991, si esibiva in un insolito discorso di fine anno assicurandoci che ciò che era accaduto era una cosa molto buona e che ora il pianeta andava incontro a una splendida era di pace che sarebbe stata assicurata dal nostro ineffabile, grande alleato americano. Come ormai tutti sanno, la previsione del “picconatore” si dimostrò lontanissima dalla verità: in assenza dell’URSS, i bombardatori di oltre Atlantico si scatenarono senza più freni con l’intento di impadronirsi di mezzo mondo e l’altra metà destabilizzarlo in permanenza. Vi fu morte, dolore, miseria in tre continenti, o forse anche in quattro mentre per noi “alleati” fu concepita una salutare cura dimagrante che, a partire dal trattato di Maastricht, ci portò verso la perdita della sovranità, la decadenza dello Stato, la crisi e la vasta dismissione dell’industria pubblica e privata, l’impoverimento generalizzato del popolo e la perdita della capacità di aggregazione che ovunque è il presupposto della libertà politica. Questo lungo e micidiale golpe strisciante fu sostenuto da giornali sedicenti di sinistra come “Repubblica” e “L’Espresso” e fu portato avanti con determinazione da quella che era stata la sinistra politica, ormai venduta ai globalisti decisi a trasformare il mondo rendendolo perfettamente aderente alle esigenze di pochi miliardari malvagi e dei loro servi ignobili e traditori della patria.

Ora questa banda di traditori, per la prima volta dopo trent’anni, è stata sconfitta e sostituita nel governo da una coalizione nuova con un po’ di coraggio e poca esperienza. Confesso di avere aderito lo scorso anno a una nuova coalizione politica, la Lista del popolo per la Costituzione fondata da Giulietto Chiesa e Antonio Ingroia, e  dunque di non avere votato nessuna delle due componenti di questa strana coalizione, ma aggiungo di essere stato molto soddisfatto della defenestrazione dei traditori e di essere anche diventato un fan di questo nuovo governo di dilettanti che però almeno non ci prendono in giro e sembrano voler fare tutto il possibile per cambiare il nostro paese e, lo spero molto, anche fare risorgere il sogno europeo abbattendo questa lurida Europa dei miliardari che dell’Europa che ci era stata promessa negli anni cinquanta del ventesimo secolo non ha proprio nulla.

Buon lavoro di bonifica, dunque, amici della Lega e del M5S, a titolo personale ma da un sincero, umile membro della Lista del popolo, non vi scalfiscano minimamente le urla dei traditori e dei pochi sciocchi che ancora corrono dietro ai fantasmi del globalismo schiavista.

Renato Massa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...