UNA PROPAGANDA ZOOFOBA DISSENNATA

Circola su youtube un video girato, mi pare, allo zoo di Boston in cui si vede una bimba che, attraverso una robusta lastra di vetro, cerca di accarezzare un leone che dapprima abbassa il collo come per offrirlo alle carezze e poi annaspa sul vetro ad artigli retratti, come per tentare di raggiungere la piccola. Quasi inutile dire che i “postatori”, se così posso definirli, bollavano in un unico fascio come cattive e diseducative istituzioni zoo, acquari, delfinari e ogni posto dove gli animali fossero tenuti in cattività e si auguravano che tutte queste istituzioni chiudessero ben presto. Ho pensato che è veramente estenuante avere a che fare con gente che non capisce niente del mondo attuale e che esercita la sua ignoranza attaccando istituzioni che hanno enormi meriti didattici, conservazionistici ed educativi. Non sanno, per esempio, che i leoni in natura trascorrono circa venti ore al giorno a dormire e nelle restanti quattro uccidono le prede di cui si nutrono o magari fanno i bulli con femmine, ignari cuccioli o maschi troppo vecchi per difendersi efficacemente. Non sanno che negli zoo sono stati salvate varie specie in pericolo di estinzione come per esempio il bisonte europeo, l’oca delle Hawaii, il condor della California (nella foto, nello zoo di San Diego), l’ara di Spix che nessuno avrebbe mai più potuto vedere se non fossero stati catturati e gestiti in modo appropriato. Non sanno che negli zoo si sono ispirati fin da fanciulli i maggiori naturalisti degli ultimi due secoli, così come nei musei di arte si sono ispirati gli artisti in erba e nei conservatori i musicisti. Perché mai la gente si sente impegnata a parlare di cose che non sa? Perché mai sono tanto pochi quelli che capiscono che volendo aiutare gli animali è necessario non già chiudere gli zoo e gli acquari ma fermare la deforestazione, fermare la ricerca dissennata di petrolio, fermare il riscaldamento globale? Questa propaganda mirata verso falsi obiettivi è odiosa non solo perché vorrebbe separare del tutto il mondo umano da quello degli animali ma soprattutto perché contribuisce alla distruzione della natura.

Renato Massa

Annunci

Un pensiero su “UNA PROPAGANDA ZOOFOBA DISSENNATA

  1. Purtroppo questi sono i risultati della martellante propaganda “animalara” degli ultimi anni: la gente preferisce prendersela col capro espiatorio del momento (zoo, acquari, delfinari, allevamenti, ecc.), invece di compiere azioni concrete più concrete e utili, come potrebbe essere sovvenzionare gli zoo seri con donazioni, per esempio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...